Passa ai contenuti principali

Božidar Stanišić si racconta

Božidar Stanišić (Visoko, Bosnia,1956) già professore di lettere a Maglaj, località a nord di Sarajevo, dal 1992 vive con la sua famiglia in Friuli, a Zugliano.Oltre a offrire il suo contributo letterario, pubblicistico ed educativo a diverse iniziative di pace e non violenza per i diritti civili dei rifugiati e degli stranieri, Stanišić ha sempre collaborato alle iniziative culturali dell’Associazione - Centro di accoglienza “E. Balducci”, con cui ha già pubblicato tre raccolte poetiche: "Primavera a Zugliano", "Non-poesie" e "Metamorfosi di finestre". Diverse di queste liriche sono state incluse nelle raccolte "Quaderno Balcanico, Cittadini della poesia", collana diretta da M. Lecomte (1998), "Conflitti - Poesie delle molte guerre", a cura di I. Landolfi (2001) e "Ai confini del verso", a cura di M. Lecomte (2006), pubblicata anche in inglese, negli USA. Grande attenzione gli dedica "Nuovo Planetario Italiano. Geografia e antologia della letteratura della migrazione in Italia e in Europa" a cura di Armando Gnisci. Alcuni dei suoi testi sono stati tradotti anche in sloveno, inglese, francese, albanese e giapponese.

Come pensa che le guerre jugoslave abbiano cambiato la sua vita?

L'hanno cambiata radicalmente. Nonostante la mia passione per i viaggi non avrei mai deciso di vivere in un altro paese. Con cambiamento radicale intendo il dover cambiare professione, imparare un'altra lingua, entrare in relazioni quotidiane e culturali con un altro contesto sociale ed economico e comporta l’essere un immigrato con l'intero complesso di cose che questo stato sociale dell'individuo porta con sé.

Come ha deciso di iniziare il percorso nelle scuole e cosa vuole trasmettere agli studenti?

La decisione non è stata mia.  Molti anni fa numerose scuole in Friuli e Italia iniziarono ad interessarsi all'area jugoslava e a richiedere la mia presenza. Accettavo e accetto tutt’ora i loro inviti non solo per trasmettere la mia esperienza e le mie conoscenze agli studenti, ma anche per avere un confronto diretto con gli stessi.

Come è entrato in contatto con il nostro Liceo?

La nostra collaborazione è iniziata tanti anni fa. Il merito è stato della prof. Simonetta Carnevale, insegnante di un'altra cultura che in me non ha visto solo un semplice testimone degli eventi bellici di allora, ma una persona capace di svegliare degli interessi degli studenti per le culture e letterature diverse.  A lei sembrava che io fossi un mediatore culturale adatto per gli approfondimenti sulle tematiche culturali ed artistiche dell’ex Jugoslavia. Ora, al suo posto, è perfettamente "subentrata" la vostra prof. Costanza Travaglini. L’hanno seguita anche alcuni dei suoi colleghi, aperti ad argomenti su vasta scala culturale. Son molto restio ai complimenti ma devo riconoscere non solo la professionalità  ma anche la passione per l’insegnamento di molti dei vostri professori.

Nel suo ultimo incontro abbiamo avuto la fortuna di ascoltare Paolo Rumiz, cosa ci può dire di lui e della vostra amicizia?

Paolo si arrabbia, da sempre, quando racconto che mi ha accolto a casa sua a Trieste dopo il nostro incontro a Monrupino, nell'agosto 1992. Sin da allora siamo amici. Paolo non è solo un professionista appassionato, un viaggiatore particolare, una voce ammonitrice. A questo proposito ricordo la sua  proposta rivolta durante l’incontro del 23 marzo a tutti voi,  di spegnere tutti i dispositivi elettronici non solo ogni tanto ma spesso, per ritornare all'ascolto della vita vera che ci circonda.

Ha in programma la pubblicazione di qualche nuova opera?

Scrivo, ma, da sempre, lentamente. Ci provo, ogni mattina. Scrivo con la convinzione che l'artista, quindi anche scrittore, appartenga alla razza degli ultimi Mohicani. Sì, scrivo convinto che la letteratura non è quello che vediamo nelle vetrine delle librerie ma qualcos’altro. Cosa? Di questo argomento vi ho  parlato anche all'interno dell'intervento sulla prima guerra.

Elisa Piccoli e Silvia Medori 4^A

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…