Passa ai contenuti principali

L’adolescenza tra potenzialità e vulnerabilità



di Simone Gasparini 5^G

Fino a due secoli fa la figura dell’adolescente ed il concetto di adolescenza non erano presenti nella maggior parte delle società. Il passaggio da "bambino" ad "adulto" veniva infatti scandito da appositi riti, compiuti generalmente in una fascia d’età compresa tra i dieci ed i quattordici anni. Si veniva infatti considerati bambini fino all'età in cui non ci si poteva dedicare alle attività che la propria classe sociale prevedeva. Il diffondersi della rivoluzione industriale nel XIX secolo portò però ad una serie di nuove esigenze in ambito lavorativo che potevano essere soddisfate solo dopo un lungo percorso di studi. La borghesia fu sicuramente la classe maggiormente coinvolta in questo processo e l'aumentata importanza dell'istruzione fino ad “avanzata” età fu il motore della successiva crescita di scuole superiori, colleges ed università. Iniziò quindi ad emergere nel corso dell’Ottocento il concetto di adolescenza. Lo studio a livello psicologico di questa fase della vita umana ha portato a definirne come caratteri fondamentali la costituzione di schemi di ragionamento logico, l’abbandono dell’egocentrismo infantile ed il raggiungimento della forma alloerotica per quanto concerne la sessualità, ovvero il riconoscimento del bisogno del partner. Fino a qualche decennio fa si tendeva inoltre a riconoscere il comportamento a rischio, aggressivo o a volte anche indecifrabile degli adolescenti come il frutto di una sorta di cervello adulto pronto a metà. Le ricerche in ambito scientifico e sociologico sottolineano però già da una decina di anni come questo approccio sia ormai inadeguato e grossolano. Durante l’adolescenza si può infatti rilevare uno sviluppo senza eguali delle capacità di astrazione e pensiero complesso, nonché di quelle di adattamento e di creazione di legami extrafamilari. I cambiamenti che avvengono a livello cerebrale concernono principalmente la connettività tra le regioni dei due emisferi e sono frutto di un processo denominato “mielinizzazione”. Con questo termine si intende l’avvolgimento degli assoni, le fibre nervose che i neuroni utilizzano per comunicare, con la mielina. Questa sostanza lipidica consente sia di velocizzare il processo di trasmissione del segnale sia di aumentare la frequenza con cui i neuroni possono inviarlo. La mielina è inoltre fondamentale per quanto riguarda il processo di sincronizzazione e coordinazione degli impulsi nervosi, rendendo quindi più veloci l’apprendimento e l’adattamento. In termini temporali, la parte più interna dell’encefalo, comprendente il sistema limbico, è la prima a mielinizzarsi ed a raggiungere la piena maturazione che avviene attorno all’età dei 15 anni. La corteccia cerebrale invece, sebbene la quantità grezza di sostanza grigia raggiunga l’apice durante la pubertà, diviene matura e completamente mielinizzata solamente attorno ai 19-20 anni. La componente prefrontale della corteccia, al giorno d’oggi tra le più studiate, è vitale per i processi decisionali, di pianificazione e di controllo delle emozioni. Il sistema limbico è invece responsabile delle diverse emozioni che proviamo quotidianamente oltre che del senso di paura, dell’umore e della memoria episodica (un tipo di memoria associata a particolari stati emotivi). Nel corso dell’adolescenza si può quindi assistere a diversi cambiamenti a livello cerebrale che, visto il disallineamento nella maturazione tra il sistema limbico e quello prefrontale, provocano le difficoltà che spesso provano i teenager a controllare le emozioni o a valutare rischi e benefici. Sono infatti dieci gli anni (dai 15 ai 25 anni circa) in cui vi è uno squilibrio tra il pensiero emotivo derivante dall’attività del sistema limbico e quello razionale regolato invece dalle regioni prefrontali. Oltre ai processi di mielinizzazione, il cervello in età adolescenziale possiede anche un’elevata plasticità, fondamentale per l’apprendimento e per l’adattamento. La plasticità neurale presenta però una “fragilità” e delicatezza tali da rendere piuttosto vulnerabile il cervello dell’adolescente. Durante questo periodo si raggiunge infatti il picco di diffusione delle malattie mentali quali il disturbo d’ansia, la depressione ed i disturbi dell’alimentazione. Cercare di comprendere quali segnali rappresentino effettivamente l’insorgenza di queste malattie e quali siano invece solamente l’espressione di un adolescente in fase di crescita rappresenta quindi un importante settore d’indagine. In ultima analisi, alla luce di quanto confermato in campo scientifico, l’adolescenza risulta essere un punto di svolta fondamentale nella vita di ogni individuo. Cercare di capirne le basi biologiche potrebbe quindi non solo aiutare gli adolescenti ad esprimere al meglio le proprie inclinazioni e potenzialità ma anche prevenire le molteplici malattie comuni nel periodo adolescenziale.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…