Passa ai contenuti principali

As I was moving ahead


 
di Raffaele Indri 5^L
 
Strutturato come un imponente collage di sequenze che raffigurano numerosi eventi della vita del regista – che disquisisce in voice-over della sua concezione di vita, di arte, di cinema – questo documentario prettamente sperimentale (Mekas è, insieme con Stan Brakhage, l’esponente di spicco del New American Cinema) intreccia le sensazioni che lo compongono in modo totalmente casuale, attraverso un processo di reminiscenza spontanea. La scelta artistica non è né correlata alla notevole mole di materiale (il film dura 285 minuti) né è un virtuosismo compiaciuto e fine a se stesso: Mekas intende sottolineare l’assoluta impossibilità di una «coscienza del ricordo». Cosí in As I was moving ahead il rosso di un geranio può rimandare alla comunione della figlia, che cederà il passo ai prati innevati di Central Park. Un gatto che gioca, l’acqua di una pozzanghera che trema sull’asfalto, i fotografi ambulanti di Soho. Non c’è ragione né consequenzialità. È il monumento al tempo e alla memoria che il cinema attendeva, al seguito dei lavori, in ambito letterario, di Proust o Faulkner.
Il regista Jonas Mekas

Poets must write particularly, as a physician works: in the particular to discover the universal.” In uno dei capitoli centrali del suo film, Mekas cita l’autobiografia di Carlos Williams, artista novecentesco a metà strada tra il movimento modernista e quello imagista. Il regista lituano condivide la filosofia del letterato statunitense. Il film, come già accennato, è una galleria coloratissima (come diceva l'utente di un sito web: “a film in which every frame is a potential tumblr picture”) di istanti della medietà vissuta. Questo interesse maniacale per il collage di particolari è, tra l’altro, centrale nella lirica moderna: si pensi dunque agli scorci squallidi e decadenti della waste land eliotiana, o ai paesaggi marini ed elegiaci di To the lighthouse di Virginia Woolf). È la costellazione di questi frammenti che offre la possibilità al pubblico di cogliere il carattere generale della visione dell’artista.

We all look for those important things. But there is nothing.” Mekas ha settantotto anni, è notte fonda, è nella sua sala di montaggio, dove sta tagliando e congiungendo sensazioni di una vita intera – il matrimonio, il battesimo della figlia, quella volta che è stato in Provenza e che caldo faceva. Può sospirare, vivere la nostalgia, crogiolarsi nella malinconia, credere di aver sprecato la propria vita, ma è indubbio che la serenità non può derivare dalle domande che l'autore si pone. Mekas ha percorso i gradini di quel tempio alla propria memoria ed è entrato, grave nel suo silenzio, per l'estremo confronto con la sua coscienza. O ha filmato tutta la sua vita per questo fine di ultima autoanalisi o ha compreso quale fosse l'allegoria vuota e ha nondimeno scelto di celebrarla.

I am really a filmer,” dice, e dice la mancanza di chi non possa altro che registrare la realtà, sperando forse che un giorno i frammenti raccolti collimeranno e che da essi emergerà per incanto un senso che sfugge alla nostra percezione quotidiana. Se l'atto di fede per il cinema è così grande, volentieri un occhio si chiude dinanzi a certe fragilità realizzative (la monotonia ipnotica del sonoro, la rappresentazione insistente di oggetti floreali), concependo così che questo tour de force da cinque ore si pone come la radicalizzazione della concezione etico-estetica che aveva caratterizzato, trent'anni prima, uno tra i movimenti cinematografici più ispirati e influenti del secolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…