Passa ai contenuti principali

Shoah, negazionismo e libertà d'espressione



di Luca Picotti 5^H


Il 27 gennaio è stata celebrata la Giornata della Memoria. Ogni anno ci si ricongiunge nel nobile atto del ricordo per combattere lo spettro dell'oblio. Non sono però da trascurare le responsabilità che il ricordo comporta; dal punto di vista giuridico e morale sorge un nuovo nemico nel momento in cui il ricordo mistifica la realtà dei fatti: il negazionismo. Questo nasce da una perversa degenerazione del revisionismo, termine utilizzato dalla storiografia per indicare la reinterpretazione della storia, la messa in discussione di alcuni fatti secondo modelli e paradigmi teorici differenti. Il termine negazionismo, “inteso come negazione sistematica e ideologica di realtà e verità” ( Emanuela Fronza, “Il negazionismo come reato”), si sviluppa a seguito delle atrocità commesse nella Seconda Guerra Mondiale. La negazione o comunque minimizzazione della Shoah e l'apologia del nazismo rappresentano al meglio la violazione della memoria alla quale tende questa pratica anti-fattuale: nonostante l'immensa mole di documenti, alcuni hanno provato a sostenere l'idea che per gli ebrei fosse stato previsto un progetto di emigrazione in paesi extraeuropei e non lo sterminio (tra questi il demiurgo è Robert Faurisson, ex professore di critica letteraria all'Università di Lione). Un altro esempio drammatico è la Turchia, che continua a negare il genocidio del popolo armeno. La negazione pregiudiziale è fin troppo presente anche a riguardo dell'Holodomor ( Olocausto ucraino) e del genocidio ruandese.

Il diritto penale oltrepassa le “lois memorielles” e l'imperativo bisogna ricordare istituendo un determinato modo di ricordare, in linea con una ed una sola interpretazione della storia, condivisa e presa come vera. La tutela della memoria viene così garantita dalle pene nelle quali si imbattono coloro che mistificano eventi tragici del passato. Nel 2008 la Decisione Quadro dell'Unione Europea chiede ai singoli Stati nazionali di introdurre nei loro ordinamenti questo reato come figura autonoma, che va ad affiancarsi al reato di incitamento all'odio e alla discriminazione razziale con cui si soleva tradizionalmente combattere il negazionismo.

L'apologia del nazismo – prendo questo caso come l'esempio più emblematico- viene a ledere la sensibilità collettiva, su questo non c'è dubbio. Credo che tutti possano convenire con il fatto che una manifesta nostalgia nazista vada repressa penalmente, che esprimere liberamente le proprie idee antisemite debba essere vietato dalla giurisdizione. In Italia la XII disposizione transitoria e finale della Costituzione vieta la “riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista”, nonostante la libertà di associazione tra i cittadini sia garantita e ritenuta inviolabile; il tentativo di redimersi dai tragici errori del passato porta ad una contraddizione in termini di libertà del singolo. Torno all'apologia nazista: con la penalizzazione di una manifestazione di libero pensiero non si contraddice un diritto inviolabile? La possibilità del negazionista nostalgico di presentarsi come martire della libertà d'espressione rende critica la posizione del diritto penale. La libertà di parola è uno dei cardini fondamentali della democrazia, ma è risaputo quanto sia “pericolosissimo concederla senza alcuna limitazione” (Baruch Spinoza, “La libertà di pensiero”). Colui che nega una verità del passato esprime la sua opinione, come chiunque altro. E' compito però della responsabilità giuridica condannare la libertà di parola nel caso in cui incida negativamente sull'interesse pubblico ed è anche lecito che questa responsabilità incorra nel rischio di rientrare in una sfera irrazionale ed emotiva: intrinseca alla negazione dei genocidi vi è un'offesa alla dignità umana che è ineluttabile. L'istigazione razziale non è altro che un abuso della libertà d'espressione volto a colpire il ruolo nella società di un individuo, con lo scopo di annullarlo. La libertà dell'istigatore razziale si scontra così direttamente con la libertà di esistere come cittadino del discriminato. Il diritto penale deve inserirsi all'interno di questi abusi tutelando l'ordine pubblico – la nientificazione di un cittadino sarebbe comprometterne la stabilità- prescindendo dalla formale libertà assoluta garantita dallo Stato e inserendo una più realistica libertà relativa, che regoli l'uso illimitato della parola.

La penalizzazione del negazionismo è un patto etico internazionale che coinvolge la maggior parte degli Stati Europei (altri, come l'Italia e il Regno Unito, si affidano invece al più tradizionale reato di istigazione razziale). Non serve solo a mantenere l'ordine pubblico e la pace collettiva, dato il pericolo che può derivare dalla divulgazione delle tesi negazioniste, ma serve soprattutto a tutelare la dignità e la memoria delle vittime dei genocidi e delle macroviolazioni dei diritti umani. Il 27 gennaio abbiamo ricordato il più terribile genocidio della storia; non basta però ricordare. Bisogna conoscere, tramandare ma soprattutto denunciare chi, accecato dalla sua stessa ideologia, vede del passato solo una rappresentazione della sua perversa volontà del presente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…