Passa ai contenuti principali

SPERIAMO CHE DOMANI IL SOLE NON SORGA


di Andrea Canciani 5^L

Si sveglia dopo una lunga notte di sonno ristoratore, si affaccia alla finestra, ammira prima la bellezza offerta dal paesaggio scozzese del 1700 , poi alza gli occhi al cielo, sente il calore dei raggi solari sulla pelle, solleva le mani in segno di protesta e impreca dicendo: ”mannaggia a te oh sole, mannaggia a te che continui ad alimentare il fanatismo”.

Questo accadeva ogni mattina, ogni mattina Hume si sporgeva alla finestra, guardava il sole e imprecava.
La sua giornata iniziava sempre male, per lui il mondo quasi sembrava il peggiore dei mondi possibili, tuttavia le cose si risolvevano. In fin dei conti il suo era pur sempre uno scetticismo sereno. Certo, per lui risultava tanto difficile digerire il nesso causa-effetto quanto per il nostro organismo il kebab, ma la sua convinzione era sufficiente. Bastava non cadere nell’ ”entusiasmo”, nel fanatismo ingiustificato. L’esperienza è limitata e intermittente; non è quindi giustificabile l’associazione di idee seguendo il nesso di causalità, ovvero associare due idee contigue spazialmente e successive temporalmente. Il nesso cause-effetto implica una necessità tra due oggetti A (causa) e B (effetto), necessità che però nell’esperienza non è possibile individuare. È per questo motivo che ogni mattina Hume si alzava e subito si dirigeva verso la finestra per controllare se il sole fosse sorto: nel caso negativo la sua teoria sarebbe stata comprovata anche dall’esperienza. Con questo ragionamento Hume non mette solo in crisi i 150 anni di rivoluzione scientifica a lui antecedenti, ma anche una qualsiasi religione la quale identifica in Dio la causa prima dell’esistenza, per non parlare di tutte le elaborazioni metafisiche. Hume tanto provava a diffondere queste sue teorie, ma i lettori dei sui libri al tempo rasentavano lo zero. Scrivere non era proprio il suo forte e ne era tristemente consapevole. Tirando le somme forse avrebbe preferito pubblicare libri forgiati all’inferno piuttosto che nati morti. Il suo pensiero però era nobile. La sua convinzione di un’umanità irrazionale, che conosce per abitudine proiettando nel futuro una conoscenza basata sull’esperienza e che quindi rappresenta l’immagine del passato, non mirava a scardinare la totalità delle strutture conoscitive fino ad allora create. La sua critica era volta a rendere chiara l’impossibilità di conoscere l’essenza, una qualsiasi suprema verità incontestabile alla quale tutti si devono adeguare e sottomettere.
L’uomo è per natura irrazionale, anche se simpatico… sì, pensava l’uomo fosse simpatico. Certo, non gli attribuiva una simpatia tradizionale, bensì una simpatia che tanto ricorda una passione, un sentimento empatico di fratellanza. Rigettava l’egoismo, preferiva credere in un uomo mosso da questa dolce simpatia, dalla ricerca del maggior bene per il maggior numero di persone. Questa simpatia-empatia lo portava a fondare una morale detta utilitarista. Ok, il nome non è proprio il più azzeccato, fa quasi pensare a un bieco opportunismo, tuttavia il carattere di questa dottrina morale non era sicuramente questo; come già detto il suo pensiero era nobile.
Non compreso e trattato come un ciarlatano, Hume semplicemente sognava un mondo privo di presunzioni e fanatismi di qualsivoglia genere, un mondo serenamente scettico che probabilmente non avrebbe prodotto le atrocità mostrateci dalla storia
Hume ci credeva, sognava questa sua probabile utopia, sperava in un domani migliore…in un domani in cui il sole non sarebbe sorto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…