Passa ai contenuti principali

L’ambiguità della politica italiana

“Ma cos’è la destra, cos’è la sinistra?” si domandava Giorgio Gaber nel 1994 in una sua celebre canzone. Se il cantante fosse ancora vivo al giorno d’oggi sarebbe probabilmente ancora più confuso.  I vari partiti politici del panorama italiano, infatti, sembrano distaccarsi dai loro valori storici e dalle basi ideologiche e non rientrare pienamente in nessuna categoria politica.
Matteo Renzi alla sua convention
La prima incongruenza tra ideologie fondanti e agenda politica si può individuare nel Partito Democratico di Matteo Renzi. Si tratta di una forza politica di centro sinistra (non dimentichiamoci che in Europa aderisce al Partito Socialista Europeo) e si basa quindi sul valore dell’uguaglianza sociale tra i cittadini. E in questa lotta per le pari opportunità e i diritti degli ultimi non stupisce che la sinistra abbia storicamente fatto forza comune con i sindacati, protettori dei lavoratori. Tuttavia, di recente, questo connubio sembra essersi incrinato. La riforma del lavoro proposta dal Governo contiene l’abolizione dell’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori (1970) che, tra le altre, garantisce il reintegro dei lavoratori nel caso in cui essi siano stati licenziati per ragioni discriminatorie (che devono essere confermate dalla magistratura). Emendamento che non va giù ai sindacati, primi tra tutti la CGIL di Susanna Camusso, ma Renzi non vuole scendere a compromessi con l’antico alleato del suo partito e anzi gli si rivolge in tono quasi sprezzante: “noi siamo disposti ad ascoltare ma se vogliono fare le leggi si facciano eleggere”. A peggiorare la già tesa situazione si sono aggiunte le parole dal finanziere Davide Serra pronunciate in sede Leopolda: “lo sciopero non è un diritto, è un costo! Smettete di lavorare? E io me ne vado a investire altrove!”. Parole che non ci si aspetta di sentire in una convention organizzata dal leader di un partito di sinistra.
Francesca Pascale, Silvio Berlusoni, Vladimir Luxuria
Anche il PDL ultimamente sembra aver assunto alcune posizioni politiche quanto meno inaspettate. Un paio di anni fa, Berlusconi affermava “Meglio avere la passione per le belle donne che essere gay”, una battuta infelice che dimostrava quantomeno un suo poco riguardo verso gli omosessuali. Omofoba anche la posizione dell’ex deputato PDL Carlo Giovanardi, famoso per aver paragonato la vista di due lesbiche che si baciano per strada a quella di un individuo che urina in pubblico. Questo stesso partito è ora a favore delle unioni civili tra omosessuali, e anzi Berlusconi se ne fa convinto paladino, come testimonia la sua cena con Vladimir Luxuria e il famoso selfie pubblicato sul twitter dell’attivista che suggella questa nuova ed improbabile alleanza. Anche la recente apertura di Berlusconi a discutere il diritto di cittadinanza tramite nascita in Italia (ius soli) rappresenta una sorpresa quando poco tempo fa il PDL, alleato con la Lega, fece approvare la legge Bossi-Fini, che aggravava il reato di clandestinità e promuoveva un più aspro controllo delle frontiere. 
La copertina del settimanale "Oggi" del 2 dicembre
Cosa dire poi dei nuovi approcci del sempre più popolare leader della Lega Nord Matteo Salvini? Pare che il leader stia cercando di rinnovare l’immagine del partito, accantonando la componente “padana” che il nome suggerisce, e puntando sull’antieuropeismo e sulla lotta all’immigrazione (“stop invasione” il nuovo slogan), temi che possono coinvolgere anche i meridionali.  E pare che la sua tecnica funzioni: a Maletto, paesino del Catanese, la lega è stato il primo partito nelle elezioni del 2014. Inoltre, non ci si aspetterebbe di trovare il termine “comunista padano” affibbiato al leader di un partito di destra, che si è guadagnato l’appellativo in un’intervista alle iene dicendo “mi sento molto più a fianco degli operai io che quel banchiere di Renzi”.
Ancora più indefinita è la posizione del Movimento Cinque Stelle, che sembra rientrare in categorie diverse a seconda della tematica considerata. Le sue posizioni a riguardo dell’immigrazione, per esempio, sembrano suggerire un orientamento di destra, mentre le politiche ambientali, come la lotta al TAV potrebbero collocarlo a sinistra.
L’ambiguità del panorama politico italiano in questo periodo è palese, meno chiare sono le cause alla base di tali anomalie.  E’ indubbio che in un periodo di crisi economica le aspettative del popolo siano mutevoli ed imprevedibili, e le varie forze politiche cercano di captarle e agire di conseguenza. Sembra che a muovere i diversi partiti sia ancora una volta l’opportunismo politico, la voglia di ottenere l’approvazione (e i voti) del maggior numero di elettori possibili. Via libera ai compromessi, agli improbabili cambi di idee, alle affermazioni contraddittorie. D’altronde la politica è l’arte del possibile.
Tuttavia, se dobbiamo accantonare le ideologie e aprire le porte alle azioni concrete, che si vedano almeno i risultati di questa politica “del fare”. L’opportunismo politico è giustificabile se finalizzato all’ottenimento di risultati, siano essi una legge elettorale funzionante o delle riforme strutturali. Il fine giustifica i mezzi solo se il fine è una soluzione alla crisi italiana, l’uscita da una situazione di grave paralisi. Se invece l’obbiettivo è quello di ottenere abbastanza voti da assicurarsi una poltrona, il rinnovamento tanto decantato della politica italiana è ancora lontano e il futuro del nostro paese si prospetta poco roseo.


Elias Ngombwa 5^I

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…