Passa ai contenuti principali

Smartphone insanguinati

Sappiamo davvero che cosa c’è dietro al nostro nuovo modello di cellulare? Questa domanda è stata posta parecchie volte, ma la risposta non è del tutto chiara.Il nostro telefonino è il frutto del lavoro di grandi aziende, chiamate multinazionali, che distribuiscono i loro prodotti in diversi stati di America, Europa e Asia. La globalizzazione ha reso i gruppi multinazionali i signori del mondo. Queste aziende miliardarie manipolano governi e istituzioni internazionali per i propri fini e sfruttano senza pietà i paesi sottosviluppati. In questo modo milioni di persone muoiono in guerra, affinché le grandi ditte possano ottenere materie prime di valore. Ma perché non si sente mai parlare di queste realtà? Ogni giorno ci sono disastri e tragedie che sconvolgono nel silenzio paesi lontani, ma che TV e giornali non riportano quasi mai. Una di queste riguarda la Repubblica Democratica del Congo, uno stato dell’Africa centrale, grande quanto l’intera Europa occidentale. Più un paese possiede materie prime, più aumenta il rischio di sfruttamento ed il Congo è il terzo paese più ricco di risorse naturali del mondo.
Tempo fa, le guerre in Congo venivano combattute per i così detti “diamanti insanguinati”, pietre preziose estratte dalle miniere africane, che venivano in poco tempo lavorate e vendute ai paesi industrializzati, finendo presto al dito delle donne più ricche del mondo. Tutt’oggi la realtà è cambiata: non sono le pietre preziose la causa delle guerre congolesi, ma un materiale totalmente diverso: il coltan.
Il prezioso coltan
Per far funzionare i nostri cellulari viene utilizzato il tanalio, un metallo nobile necessario alla costruzione di alcuni componimenti elettronici di computer, telefonini e di alcuni tipi di lampadine. La maggior parte di questo materiale si estrae da un minerale chiamato coltan (columbo-tantalite), che si trova per l’80% nelle miniere del Congo.
Le guerre in Congo iniziarono nel 1996 con la prima guerra di liberazione per cacciare Mobutu, l’ex dittatore, e si sono succedute fino ad oggi per motivi economici, come il controllo delle risorse minerarie. Questi scontri sono sempre partiti dall’est del paese, nella ricca zona del Kivu, che confina con Rwanda, Uganda e Burundi, paesi attraverso i quali passano le multinazionali occidentali per spogliare il Congo dalle sue ricchezze. Le guerre sono state fomentate dalle grandi ditte, che hanno corrotto alcuni congolesi ai vertici della politica nazionale e li hanno indotti a creare conflitti tra frazioni diverse. Attraverso la vendita illegale del Coltan i corrotti hanno finanziato le loro armi per continuare a combattere e, mentre le fazioni in guerra si sparavano, rubavano il materiale, presentandosi, infine, come pacificatori per imporre le proprie regole. Le uccisioni di massa, le esecuzioni senza processo e gli arresti illegali erano diventati la normalità.
La guerra in Congo, subito dopo il secondo conflitto mondiale, può essere considerata la più feroce mai avvenuta, conta infatti otto milioni di morti, prevalentemente civili, tra cui donne e bambini.
I bambini, dopo aver perso i genitori o dopo essere stati rapiti, vengono reclutati dalle milizie o mandati a prelevare materie prime. Ricordiamo che il Coltan è un materiale radioattivo, perché contiene una parte di uranio e viene estratto a mani nude dai minatori congolesi e dai bambini stessi, causando numerose gravi malattie.
Da anni organizzazioni internazionali come l’ONU dovrebbero portare la pace nel popolo congolese.
Circa ventimila caschi blu si trovano in Congo da più di 10 anni, e combattono quella che viene considerata la più grande missione di pace dell’ONU, ma che fino ad oggi ha riportato scarsi risultati positivi: la gente continua a morire e le guerre sembrano non trovare fine.
La formula inglese “No war, no job” (niente guerra, niente lavoro) funziona perfettamente; infatti l’80% dei soldi che l’ONU ha a disposizione per migliorare le condizioni in Congo vengono utilizzati per lo stipendio dei dipendenti e per il pagamento di automobili e case. Gli agenti dell’ONU vengono soprannominati dai congolesi “turisti in divisa”, perché non hanno alcun interesse che i conflitti in Congo finiscano. La realtà è che coloro che sono a capo delle Nazioni Unite sono molto vicini a quelli che possiedono le multinazionali di telecomunicazione, a cui non importa che ci sia pace in Congo.
Finché ci sarà guerra, essi ne approfitteranno per rubare i preziosi minerali del paese.
Quando parliamo di queste ingiustizie e di guerre così lontane dalla nostra realtà ci sentiamo impotenti e pensiamo che sia impossibile cambiare il mondo senza dei mezzi concreti per farlo. Tuttavia, ognuno di noi, a modo suo, può contribuire a rendere il mondo un posto migliore: l’importante è avere fiducia nei propri sogni e desideri, informarci e informare gli altri, ed essere consapevoli delle scelte che facciamo.


Francesca Sartori 4^F

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…