Passa ai contenuti principali

Il nostro futuro digitale

Dalla lista delle infrazioni disciplinari del regolamento d’Istituto del liceo scientifico G.Marinelli:
“10. Violazione del divieto di uso del telefono cellulare“
Perché dev’essere ancora presente nel 2014, alba del ventunesimo secolo, questo punto nel regolamento?
Probabilmente perché non è mai stato aggiornato da quando fu scritto per la prima volta. Forse non è stato molto tempo fa, uno, due decenni al massimo. Ma la scuola, in questo periodo storico, è cambiata molto insieme al mondo che abita, nonostante questo non appaia così evidente.
La scuola sta diventando un ambiente nel quale non è più strano imbattersi in computer, registri elettronici, lavagne con le quali si può interagire ed avere accesso a migliaia di contenuti che non potrebbero neanche essere immaginati con una lavagna tradizionale. Anzi, si può dire che è strano non incontrare questi elementi in un aula delle nostre scuole.
Allora perché c’è il divieto di utilizzare strumenti che ci si ostina a chiamare ancora cellulari, ma che ormai sono molto più di una semplice cellula? Sono strumenti con capacità superiori agli stessi nostri computer di cinque anni fa. Hanno potenzialità che vengono sfruttate poco da poche persone. Sono una risorsa che dovrebbe essere utilizzata maggiormente e non demonizzata come fa il più degli insegnanti.
Certamente molti potrebbero richiamare all’attenzione i motivi per i quali sono proibiti. Sono principalmente due. Il primo è certamente la funzione primaria dei cellulari, ossia quella di comunicare con una persona a distanza da noi, sicuramente molto utile durante un compito in classe, ma a questa situazione esiste già una soluzione semplice ed efficace utilizzata dal più degli’insegnanti da molto tempo. Il secondo motivo a sostegno della repressione dei telefoni cellulari in classe è la distrazione che possono portare questi fra gli studenti. Ma siate sinceri con voi stessi, se siete realmente interessati ad una lezione non sarà di certo questo a distrarvi, anzi, esistono migliaia di modi per svagare durante una spiegazione noiosa, e poi, ricordatevi che siamo in un liceo, il quale comporta una presa di responsabilità, nessuno è obbligato a frequentarlo. Ricordatevi inoltre che in molti istituti americani o orientali le lezioni si svolgono davanti allo schermo di un computer da oramai diversi anni e non ci sono state diminuzione dei risultati, anzi, l’OCSE ha registrato un miglioramento rispetto ai precedenti punteggi. Perciò perché non sfruttare le capacità che ci offrono questi strumenti, che oggigiorno tutti possiedono?
È importante ricordare che esistono leggi europee che stanno spingendo alla digitalizzazione della scuola ma, a causa di diversi fattori, tra i quali quello economico, in Italia questo progetto ha difficoltà serie a realizzarsi. Quindi, a questo punto, sembra quasi ingenuo non sfruttare le potenzialità di qualcosa che già abbiamo. Immaginate una lezione durante la quale possiate usare la realtà aumentata del vostro dispositivo per visualizzare un grafico, oppure per simulare il comportamento di una pianta a diverse condizioni.
Ora, la decisione, spetta sicuramente in primo luogo al dirigente scolastico ed in seguito ad un accordo fra gli studenti ed insegnanti per migliorare la qualità dello studio nel senso più ampio del concetto.


Lorenzo Scatton, 4^H

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…