Passa ai contenuti principali

Ritorno alla natura, contro la crisi

Intervista a Devis Bonanni, blogger e autore del libro "Pecoranera"

“Non stavo sfuggendo da qualcosa che non mi piaceva, ma stavo andando verso qualcosa che sentivo sempre più mio.” E’ così che Devis Bonanni, un ragazzo friulano di 28 anni, definisce la scelta di abbandonare il lavoro fisso per vivere in natura. Da 7 anni vive con i soli prodotti che riesce a coltivare e a produrre. Nel 2012 ha scritto “Pecoranera”, un libro nel quale racconta la sua esperienza. Il 28 gennaio 2015 ha tenuto una conferenza nel nostro liceo e noi gli abbiamo posto alcune domande.

Devis Bonanni al Marinelli
Quando è stata la prima volta che hai pensato  di fare questa scelta? La tua famiglia e i tuoi amici ti hanno sostenuto?

L’innesco è avvenuto quando a 19 anni lessi un articolo che raccontava di una famiglia che viveva in auto sussistenza. Questa non è mai stata una scelta compresa dai miei genitori, perché loro appartengono alla generazione che ha lasciato la vita rurale per andare in città.

Hai detto che non vivi di sola auto sussistenza, ma che riesci a vendere qualcosa. Chi ti aiuta?

Trovo aiuto in alcune persone, provenienti da tutta Italia, e per una settimana o dieci giorni offro loro ospitalità in cambio di lavoro nei campi. Il sito www.wwoof.it gestisce questo tipo di scambi. E’ un modo per viaggiare e conoscere esperienze simili in tutto il mondo. In questo ambito si creano parecchi rapporti ed è più facile conoscere le persone tramite l’aiuto che ci offriamo reciprocamente. Conosco e incontro persone anche tramite il mio blog.

Com’è strutturato il tuo eco-vilaggio?

E’ composto da un ettaro di campi di mia proprietà con frutteti, campi con coltivazioni di ortaggi e cereali e due grandi serre, dove all’interno si coltivano prodotti al di fuori della loro stagione ideale.

Per quale ragione hai deciso di liberarti da tanti oggetti tecnologici, ma non dal computer?

Perché per me è stato un formidabile strumento di informazione, che accomuna persone con gli stessi interessi. Il web è molto democratico, perché tutti sono produttori e consumatori di informazioni.

Hai mai ricevuto delle critiche? Te ne ricordi una che ti ha particolarmente dispiaciuto?

Non c’è una vera e propria critica diretta, ma è il continuo sentirsi sotto osservazione. E’ tutto il contesto in cui vivo, perché abitando in un piccolo paese si sente il peso delle voci che girano e delle opinioni.

Pensi che la riscoperta del lavoro agricolo possa arginare la disoccupazione giovanile?

Sì, c’è sempre più necessità e richiesta di fare del cibo di qualità; per fare ciò ci vuole manodopera, attenzione e cura. E’ una cosa di cui c’è sempre più bisogno.


Condividi gli ideali della decrescita felice?

Sì, assolutamente, però manca la costruzione di un immaginario e la riscoperta della natura. La decrescita felice pone una domanda sulla qualità della vita e non sulla quantità, perciò è solo pratica, non c’è un trasporto emotivo nei confronti l’ambiente.

Hai detto che ti sentivi più autosufficiente quando lavoravi come tecnico informatico, rispetto ad adesso che lavori nei campi. Non pensi che risulti un paradosso?

Sì, anche se la parola più giusta sarebbe indipendente. Quando hai i soldi sei indipendente, ma questo non è sempre un concetto positivo. Bisogna avere la capacità di chiedere e di ricevere.

Hai parlato di visione a lungo termine della vita di coloro appartenenti alle precedenti generazioni. Pensi di aver acquisito questa visione con il tempo?

Sì, ci sto provando, ma è ancora molto difficile. Poco alla volta si riesce a cambiare la percezione che si ha del tempo.

Come ti vedi fra 30 anni?

Spero non in pensione. Spero di avere ancora le forze per condurre questa vita e per vedere gli alberi che ho piantato dare i loro frutti. Mi vedo lì. Questa vita non è una prigione, perché sento di aver trovato il mio posto nel mondo.

Qual è l’insegnamento più importante che hai tratto da questo stile di vita?

Di avere un limite, di vivere a contatto con la natura e imparare che essa ha le sue regole e i suoi limiti, ai quali mi devo adattare. Non si può sempre controllare tutto.

Che consiglio ti sentiresti di dare a noi ragazzi del liceo?

Molte volte si prendono sotto gamba le scelte che si fanno in questo momento della vita, ma che condizioneranno il nostro futuro e ci si dedica sempre troppo poco tempo. Bisogna ragionarci, investirci del tempo, informarsi e confrontarsi.


Francesca Sartori e Greta De Sabbata, 4^F

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…