Passa ai contenuti principali

Tsipras contro l'austerità: una lotta difficile

Non è una novità che qualcuno si scagli contro l’austerità e contro un’Unione Europea che sembra essere basata più su trattati economici che su ideali politici condivisi. La vera novità è che per la prima volta, con l’elezione di Alexis Tsipras, a capo di questa rivolta c’è il leader di un paese dell’eurozona che minaccia di cambiare di tutto, di trasformare le critiche in contestazioni e le proposte in azioni concrete.
I piani del nuovo governo prevedono spese massicce nel settore del welfare, tra cui la riassunzione di 12000 lavoratori pubblici e l’aumento delle pensioni e dei salari. Inoltre, Tsipras vuole frenare alcune delle riforme che la Grecia si era impegnata ad attuare in cambio dei prestiti da parte della Troika, l’organismo formato da Commissione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale, che nel 2008 la salvò dalla disfatta economica, e vorrebbe anche che almeno la metà del debito greco (che ora ammonta al 175% del PIL) venisse cancellata.
Per riuscire in questa ardua impresa la Grecia ha cercato l’appoggio di altri governi europei in vari incontri con le personalità dell’Unione. C’è chi ha mostrato un timido appoggio, forse più di facciata, al nuovo governo greco; Renzi ha regalato una cravatta italiana a Tsipras, invitandolo ad indossarla non appena la Grecia uscirà dalla crisi. Contemporaneamente però è giunta la dura risposta della BCE, che ha già attuato alcune manovre punitive nei suoi confronti, veri e propri ricatti secondo il ministro delle finanze greco.
La Grecia e la Troika potrebbero cercare un compromesso che eviti l’eventuale uscita della Grecia dall’Europa, che sarebbe negativa per tutti, e che solo il 25% dei greci vorrebbe. Tuttavia le posizioni radicali di un partito come Syriza mal si concilieranno con quelle della finanza, e difficilmente gli stati europei rinunceranno alla loro intransigenza economica: pacta servanda sunt. Tsipras chiede dunque tempo per pensare ad a una soluzione che impedisca che in Grecia si perda la fiducia nelle sue promesse e che in Europa ci si stufi delle sue richieste.
Tsipras con la cravatta italiana, dono di Matteo Renzi
La guerra che Tsipras ha dichiarato all’austerità è legittima. La politica del rigore ha dimostrato di non essere efficace, di mettere in ginocchio i paesi e di condannarli a una crescita quasi inesistente e a una disoccupazione, soprattutto giovanile, a livelli spaventosi. Ma è probabilmente una guerra persa in partenza. La Grecia necessita disperatamente degli aiuti internazionali, e da una tale posizione svantaggiata ha poco spazio per questionare le condizioni imposte dai creditori. Chi dice che in Grecia non comanda più il governo ma la Troika, con buona pace della democrazia, esagera, ma non si allontana troppo dalla verità.
Questa situazione è l’inevitabile conseguenza delle falle strutturali insite nelle fondamenta stesse dell’Unione Europea: un’unione fiscale ma non politica, una creatura dalle ventotto teste che si muovono in modo diverso e guardando in direzioni diverse. La moneta comune comporta che si deve applicare un’unica politica fiscale per paesi resi diametralmente opposti dalla storia e dalle scelte politiche, ed è quindi difficile intervenire in modo mirato per assistere un paese in difficoltà. Agli stati dell’UE manca anche un senso di appartenenza comune che spinga tutti a sostenersi a vicenda nei fatti e non solo nelle parole: cancellare metà del debito greco significherebbe aumentare le spese degli altri stati, che probabilmente non sono disposti ad affrontare un tale dispendioso atto di solidarietà.
Finché non si creerà una vera comunanza di intenti tra gli stati dell’Unione sarà difficile cambiare la situazione; in mancanza di un organo di sovranità popolare forte a livello europeo, non stupiamoci se è un manipolo di tecnocrati a dettare legge e a porre le condizioni. Le nazioni si troveranno così nella situazione di dover scegliere tra seguire più o meno passivamente i diktat della Germania o abbandonarsi a qualche partito populista che con grande probabilità li condannerà alla disfatta totale.
Vedere Piazza Syntagma ad Atene gremita di gente, simbolo di un paese che non ha perso fierezza e combattività, potrà forse accendere un po’ di quello spirito europeo che manca, oltre alla speranza che presto la Grecia riesca a liberarsi dalla morsa della crisi e l’unica stretta sia quella del nodo della cravatta, rigorosamente italiana, al collo di Tsipras.


Elias Ngombwa, 5^I

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…