Passa ai contenuti principali

International Journalism Festival 2015

Meetings, conferenze, interviste,workshops e dibattiti che riuniscono, sotto il cielo di Perugia, giornalisti provenienti da tutto il mondo, amanti del giornalismo, cittadini e studenti. Quest’anno una parte della redazione del giornalino scolastico “Preludio”, accompagnata dal Professor Sciuto, si è recata a Perugia dal 17 al 19 aprile per partecipare all’IJF edizione 2015. Muniti dello stimolante entusiasmo che la scorsa edizione del festival ci ha rilasciato, di macchine fotografiche, dell’immancabile quaderno per gli appunti e dell’inevitabile sensazione di sicurezza e protezione data dal ritrovo del profumo della città e della freneticità dei giornalisti provenienti da tutto il mondo che formano intensi intrecci attorno alle vie del centro per assicurarsi un ottimo posto a sedere alle varie conferenze, anche questa volta ci siamo messi in gioco, dando il meglio di noi e ricevendo molte soddisfazioni! Con lo spirito intraprendente, una ferrea organizzazione logistico-temporale
e con l’immancabile, nonché preziosissimo, Pass Press color verde, ci siamo lasciati trasportare dalla curiosità e dalla continua voglia di crescere e di imparare. Uguaglianza e disuguaglianza, sorveglianza e privacy, libertà di espressione ed integrazione sono i temi che hanno rivestito il ruolo di filo conduttore in una scena che ha spogliato ditutte le barriere e perplessità le varie sfacettature del giornalismo, portandoci sempre ad una rielaborazione personale e ad un dibattito conclusivo in cui rivendicare le nostre idee. Molto positive sono state tutte le interviste che gli speaker ci hanno rilasciato in maniera unica ed esclusiva con molto entusiasmo e curiosità. Alcuni ci hanno riferito che è sempre un piacere vedere, incontrare e dialogare con i giovani, sempre ricchi di vitalità e spunti di riflessione. Con gli immancabili Baci Perugina in tasca abbiamo assistito al “Dibattito sulla sorveglianza e privacy” arricchita dai preziosi interventi via Skype di Edward Snowden, alla conferenza “Verso una costituzione per Internet?” dove abbiamo avuto l’occasione di intervistare il presidente della Camera, Laura Boldrini, alla conferenza riguardo le frontiere della libertà di espressione e a quella riguardante i Talk Shows. Concluse le intense attività pomeridiane, sabato sera abbiamo avuto l’opportunità di assistere al simpaticissimo spettacolo intitolato “La vita è un viaggio… a teatro” che vede Beppe Severgnini come attore protagonista nella messa in scena di un libro scritto da lui stesso. Un evento che, chiusi i battenti di quest’anno con 65mila presenze, 279 eventi, 623 relatori provenienti da 34 paesi diversi, ha già l’edizione 2016 in cartellone dal 6 al 10 aprile e un archivio web ricchissimo che da quest’anno raccoglie tutte le conferenze filmate e le interviste. Lo consiglio a tutti i curiosi e agli appassionati.

Shani-Yael Baldacci, 3^I

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…