Passa ai contenuti principali

La marcia zoppicante del capitalismo

Nel settecento lo scozzese Adam Smith maturò una teoria economica, quel liberismo che avrebbe poi innescato un processo di trasformazione irreversibile non solo nel mondo del mercato, ma nella società stessa, nei singoli individui. La sua “new economy”, ormai matrice della nostra ideologia comune, si fonda su un paradosso etico-morale particolarmente interessante. Per affrontarlo, si potrebbe fare l'esempio del parallelo tra Wall Street (finanza) e Main Street (economia reale). Affinchè quest'ultima – che rappresenta i lavoratori comuni- possa ottenere un vantaggio, è necessario un precedente arricchimento della prima: in questo modo, l'azione finalizzata ad uno scopo giusto, si rivela sbagliata nelle sua fondamenta. La legge di Say e l'economia keynesiana, nella loro diversità, sono due facce della stessa medaglia. Una medaglia ormai logorata e zoppicante, arenatasi nei suoi stessi meccanismi perversi. La crisi finanziaria del 2008 ( la famosa bancarotta della Lehman Brothers), ha sancito la definitiva fossilizzazione di questa economia virtuale che, partendo come una Ferrari nel dopoguerra, ha indubbiamente perso almeno due ruote durante il tragitto.
 Il capitalismo occidentale -analogo alla democrazia nella definizione “è il meno peggio”-, ha riscontrato il suo successo nella società odierna grazie al suo funzionamento conveniente, che risparmia lo Stato da eccessivi investimenti e ne incrementa i guadagni con l'egoismo dei singoli (egoismo per il semplice fatto che nasce dal bisogno dell'individuo di creare un'impresa per mantenersi). Andando più in profondità, è d'obbligo sottolineare anche le virtus del cosiddetto capitalista; ambizione, coraggio, creatività e intraprendenza. Valori indispensabili per affrontare il mercato lavorativo odierno, scriverebbe Lawrence Klein, nobel per l'economia nel 1980.
Vi sono però dei “mostri”, conseguenze inevitabili di questa “macchina del cash”, metaforicamente rappresentabili come dei sassolini sotto le ultime due ruote funzionanti della Ferrari. Il denaro, così libero e privatizzato, ha creato un fenomeno di dipendenza tra Schiavo e Padrone, in termini Rousseauiani. Il Padrone decide quando e come investire, lo Schiavo aspetta, quando e come lavorare. E dal 2008 lo Schiavo sta aspettando, ininterrottamente.
Focalizzandoci sulla nostra realtà italiana, non possiamo illuderci che quella ricrescita economica tanto inneggiata dal Governo si possa realizzare. Perchè ormai il capitalismo italiano (forse anche mondiale?), ha raggiunto il suo anno zero, come scrive Massimo Giannini. Il “capicomunismo” asiatico ci ha travolti, inglobati nella sua ascesa disumana; e i nostri “big industriali” sono stati svenduti da tale concorrenza (Telecom), o definitivamente ghigliottinati dalla corruzione interna (Eni, Finmeccanica). I dati positivi del 2015, non sono altro che cuciture, per evitare che l'emorragia interna dilaghi. La ripresa può esserci, ma non si tornerà mai ad “un'età dell'oro”. Si può perfezionare, migliorare, ma non sognare il capitalismo perfetto, perchè nella definizione stessa vi sono radicati i difetti insanabili.
E' lecito – seppur cinico- affermare che il Governo ha ragione ad agevolare la figura dell'imprenditore, con sgravi fiscali (decontribuzione, riduzione dell'Irap ecc). Perchè l'occupazione non si crea con le regole e i diritti dei lavoratori come ritiene il gruppo più radicale del sindacato (è triste affermarlo, ma dobbiamo essere realisti), ma con l'investimento, con le imprese che assumono. Inutile è quindi l'ostruzionismo a prescindere della sinistra tradizionale per le riforme come il jobs act, perchè, in un modello liberale, sarà sempre essenziale un’agevolazione per il Padrone, affinchè si arricchisca (nei suoi limiti) lo Schiavo.
Davanti a questo teatro delle ingiustizie si può reagire in due modi. Si può continuare a sognare, vivendo nella speranza di un'utopia comunista, come Marx nell'ottocento e Badiou nel novecento. Oppure si può accettare le cose, rassegnarsi, cercare di migliorare un sistema marcio ma non totalmente sconfitto, un sistema che ci mette però di fronte all'iniquità.
Come direbbe un noto cantautore italiano: “Coraggio liberisti buttate giù le carte, tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese, in questo benedetto assurdo bel paese!”.

Luca Picotti 4^H

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…