Passa ai contenuti principali

Talk Show e Reality

Intervista a Selvaggia Lucarelli                              
L’evento "Processo ai Talk Show" è stato uno dei più seguiti del festival. D’altronde i talk show sono uno dei format televisivi più di successo, sono ben 19 quelli in onda sulle TV italiane, anche se si tratta di un genere che sembra non saper più innovare. Gli ospiti presenti in sala sono Corrado Formigli (conduttore del talk show Piazzapulita), Selvaggia Lucarelli (blogger e giornalista), Carlo Freccero (autore televisivo e saggista), Filippo Facci (Libero), Marianna Aprile (Oggi) e Alessio Viola (SkyTg24). Il pubblico in sala ha fatto da giuria e alla fine ha assolto i talk show. Non altrettanto clemente è stata Selvaggia Lucarelli, facente parte dell’accusa, che si è scagliata senza pietà su di essi. Ecco qua la nostra intervista:
Lei ha un blog molto seguito: quale pensa che siano le potenzialità della comunicazione su queste piattaforme?
Le potenzialità sono sempre in crescita e in evoluzione, si arricchiscono sempre di più. Inizialmente c'era solo scrittura, poi e' arrivato instagram con le foto,ed ora c'è perciscope con i video. Suggerisco sempre di essere originali, perché non è solo lo strumento in sè ma come lo si adotta, c'è una grande potenzialità ma siamo noi quella vera e non la tecnologia: quindi bisogna essere originali ed avere un pensiero chiaro, netto, non aver paura ad esporsi e non essere democristiani.
Come concilia il fatto di essere allo stesso tempo sia opinionista (dando giudizi su altri) che personaggio (oggetto lei stesso di giudizi)?
Mi rendo conto di non uscire mai dal giudizio neanche quando parlo io e sono io al centro, cerco sempre di essere me stessa e cerco sempre di avere un'altra lettura delle cose perché mi rendo conto che la critica è importante ma l'autocritica altrettanto.
All'incontro si è parlato della crisi dei talk-show, ma non pensa che i reality siano in una condizione ancora peggiore?
No, nel senso che i reality hanno solo un difetto e un problema: hanno bisogno ogni tanto di fare una pausa , cioè di decantare. L'isola dei famosi è tornata più pimpante e con più ascolti di prima. Ha avuto bisogno di un periodo di base e di un respiro, come ad esempio il cibo riposato: la lasagna il giorno dopo è più buona perché riscaldata.
Talvolta lei ricorre ad una satira piuttosto aspra, con dei giudizi senza mezze misure verso altri personaggi. Quali sono i limiti che si pone e da tener presente?
Stabilire quali siano i limiti della satira credo che sia impossibile, ognuno decide dove mettere i paletti, il recinto e il confine, io credo che siano sempre quelli dell'educazione e del buon senso: si può essere sarcastici , si può essere taglienti , si può essere duri. Naturalmente dall'altra parte bisogna trovare persone auto ironiche che parlino lo stesso linguaggio che parlo io e che abbiano una leggerezza che non tutti hanno.
Barbara Blausutto, 3^H

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…