Passa ai contenuti principali
25 ANNI, LA PAROLA AD ANTONIO MORENO

Ripercorrendo la storia della nostra scuola, abbiamo scoperto che già dal 1948, 40 anni prima della nascita dell’attuale Preludio, esisteva un giornalino degli studenti intitolato “Come la pensiamo”. Ma pochi anni dopo la redazione si sciolse.  Nel 1954 si ricostituì, prendendo il nome di “Così è se vi pare”. Anche questa iniziativa non ebbe una lunga storia e venne sostituita, dopo un periodo di pausa, dalla testata “Lastrico” nel 1981. Solo 7 anni più tardi il giornale della scuola prese il nome di “Preludio” e da allora viene stampato periodicamente.
Come saprete, ad ottobre inizieranno i festeggiamenti per i 90 anni del nostro Istituito. La redazione del Preludio ha voluto anticipare queste celebrazioni in occasione del 25° anno del giornale.
Per fare ciò abbiamo riportato alla luce dai nostri archivi un’intervista al prof. Moreno, che fu uno dei redattori di  “Come la pensiamo”. L’intervista porta la data del 12 dicembre 2011 ed è stata curata da Fabiola Elezi e Anna Bizzarro, entrambe uscite dal liceo.

Signor Moreno, lei è stato uno dei primi redattori per “Preludio”..
Sì, ma nel 1948 il giornale si chiamava “Come la pensiamo”. Fu fondato da Franco Musoni. “Come la pensiamo” usciva “quando e dove poteva”: non c’erano sufficienti fondi per finanziarlo ed in redazione eravamo in pochi.
Proprio come adesso, a distanza di più di sessant’anni le cose non sono cambiate. Attualmente anche noi siamo in pochi, ma siamo molto uniti.
Questo è molto importante, ai miei tempi però non si era tutti d’accordo. Dopo la guerra era difficile mettere d’accordo le persone dal punto di vista politico. Ognuno conservava la propria ideologia. Ad esempio io ero in accesa polemica con il fondatore Musoni. Nonostante la diversità di tipo ideologico però, siamo stati insieme, uniti. “Come la pensiamo” era un principio, un progetto di vita. Allora noi giovani volevamo farci sentire sulla questione dell’università, perché non tutti potevano accedervi liberamente. Chi si diplomava al liceo classico poteva accedere a qualsiasi facoltà, non aveva ostacoli, per chi invece si diplomava al liceo scientifico non tutte le porte erano aperte. Per i ragazzi degli istituti tecnici poi, neanche a parlarne.
Tutto il contrario di adesso, ora si dice che chi si diploma al liceo scientifico ha più possibilità di accedere all’università..
Sì, sono cambiate molte cose. Ma questa è solo una delle tante. Oggi gran parte dei ragazzi che frequentano la scuola si muovono con corriere, autobus e macchine. Nella mia classe invece, c’era chi si alzava alle quattro di mattina per arrivare a scuola in orario, poi questi si addormentavano sui banchi durante le lezioni dalla stanchezza. Ora i ragazzi si addormentano in classe per altri motivi: o perché hanno visto il loro programma preferito fino a tarda notte o perché spendono molto del loro tempo davanti al computer, sui social network.
Quindi secondo lei ideali e valori stanno entrando progressivamente in crisi?
Spero che non succeda perché sia gli ideali che i valori sono estremamente importanti. I valori e gli ideali aiutano a costruire un proprio progetto di vita, senza il quale è difficile andare avanti. Il giornale ad esempio era un ideale per noi: era il mezzo con cui potevamo esprimerci liberalmente. Anche con le assemblee studentesche accadeva questo.
Ha toccato un “tasto dolente”. La partecipazione degli studenti all’interno della nostra scuola alle assemblee studentesche ognimese è davvero insufficiente.
Le assemblee devono essere un motivo di soddisfazione per voi studenti, un’occasione in più per esprimersi, confrontarsi e divertirsi. Accanto ai dibattiti, il  gioco che andava per la maggiore era la pallavolo.
Signor Moreno, dopo il liceo Marinelli che strada ha intrapreso?
Dopo la laurea in pedagogia, ho fondato una scuola materna a Napoli. In tre ci dividevamo centocinque bambini. Dopo qualche tempo però questa scuola fu chiusa d’autorità: purtroppo un ispettore giudicò i bagni non idonei. Ho insegnato alle elementari, alle medie, al liceo. Insegnare a dei bambini ed adolescenti non è mai facile perché a volte questi provengono da situazioni difficili, magari anche dalle strade. Tuttavia conservo molti ricordi simpatici. Mi ricordo che in una classe elementare spariva in continuazione del materiale scolastico. Individuai il piccolo “ladro” e mi inventai un gioco: lo incaricai “addetto alla sicurezza”. Da quel giorno non mancarono più quaderni e matite colorate. Poi sono diventato ispettore e ho avuto la fortuna di viaggiare molto con questo lavoro. Sono stato in Siria, in Brasile, in Somalia, in Eritrea ma ho girato un po’ con la “testa nel sacco”. Tu pensi di ritornare in questi magnifici posti e poi la vita ti fugge. Ma bisogna accontentarsi di quello che si è fatto.”


Nicola Petrucco 2^H

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…