Passa ai contenuti principali
L'ACQUA ECOLOGICA ED ECONOMICA

Nel tentativo di dare continuità al mio impegno di informazione riguardo agli sconvolgimenti ambientali causati dall’uomo in Italia e nel mondo, propongo ai marinelliani una riflessione che, ancora una volta, in qualche modo, li coinvolge. Infatti in Italia nel 2011 sono stati imbottigliati 12,3 miliardi i litri di acqua, dei quali 11,3 miliardi sono stati consumati in Italia (188 l per abitante).
L’80 % di questa quantità è giunta sulle tavole degli italiani in bottiglie di plastica. 
Questi numeri confermano il primato europeo dell’Italia per consumi di acqua minerale in bottiglia. In Italia, il mercato dell’acqua in bottiglia si mantiene così florido sia per i costi, spesso irrisori, che le società imbottigliatrici devono affrontare per prelevare il prezioso bene dalle sorgenti, sia per la mancanza di fiducia dei cittadini nell’acqua di rubinetto (il 30 % delle famiglie italiane non si fida dell’acqua di rubinetto, con percentuali molto elevate nel meridione italiano e minime al nord).
Il caso più eclatante è quello della Liguria, dove la regione riceve appena 3.300 euro all’anno per le 5 concessioni attive sul territorio, mentre adeguando i canoni a valori più coerenti (indicati dal documento approvato dalla Conferenza stato-regioni del 2006), arriverebbe ad un introito di 1,2 milioni di euro, risorse che, usate con responsabilità, potrebbero sicuramente contribuire ad aumentare  il benessere dei cittadini e dell’ambiente. Tuttavia il danno più grave che questo consumo irresponsabile  dell’acqua minerale causa è legato ancora una volta all’ambiente, che paga le conseguenze delle nostre azioni e delle nostre scelte.
Infatti per produrre le 6 miliardi di bottiglie di plastica necessarie a contenere i 12,3 miliardi di litri imbottigliati, sono servite 456mila tonnellate di petrolio e oltre 1,2 milioni di tonnellate di CO2 sono state emesse in fase di produzione, senza contare le emissioni derivate dalla fase di trasporto, che avviene per l’85 % su gomma.
Immaginate quanta anidride carbonica viene espulsa ogni giorno dai veicoli che trasportano bottiglie d’acqua dalle sorgenti dell’Italia settentrionale fino alle regioni del mezzogiorno.
Considerate che l’imbottigliamento e il trasporto su gomma di 100 litri d’acqua che viaggiano per 100 km producono 10 kg di CO2, ovviamente immessa nell’aria.
Considerate che circa 1300 sono i chilometri che separano le fonti alpine da Palermo.
Altro grave problema è il riciclaggio delle bottiglie usate: solo il 36 % di esse infatti vengono avviate al riciclo, mentre il 64 % finisce in discarica, viene smaltito dagli inceneritori o disperso nell’ambiente. Scegliere l’acqua di rubinetto conviene non solo all’ambiente ma soprattutto a noi;  il costo dell’acqua in bottiglia è 200 volte quello dell’acqua pubblica. Inoltre l’erogazione ha un impatto ambientale infimo (0,04 kg di CO2  emessa per 100 litri).
Per il suo consumo non sono necessari imballaggi e per il trasporto non è necessario usare veicoli. I numeri parlano da soli: la necessità del cambiamento è evidente.
Talvolta risulta impossibile prescindere dall’uso di acqua in bottiglia, ma almeno per il consumo casalingo è da preferire l’acqua di rubinetto, ecologica ed economica allo stesso tempo.
Anche in questo caso è richiesto un impegno singolare di assunzione di responsabilità e di consapevolezza del contributo che ognuno può dare, con gesti semplici e piccoli cambiamenti del comportamento nei confronti dell’ambiente, gravemente malato e seriamente compromesso a causa delle attività dell’uomo.


Joseph Pudota 4^H

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…