Passa ai contenuti principali
Diritti umani e la Cina

Il 12 novembre 2013 a Ginevra avrà luogo l’elezione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, l’organismo nato nel 2006 in sostituzione della Commissione per i diritti umani che ha come mandato quello di supervisionare ed informare l’opinione pubblica circa le eventuali violazioni dei diritti umani nei Paesi aderenti all’ONU. Ad accendere i riflettori su questo evento (il cui interesse è di solito paragonabile solo alle diete ipocaloriche, alla cabala o ai grammys latinoamericani) è però la candidatura di Paesi che poco hanno a che vedere con i diritti umani, come la Russia e la Cina. In particolar modo contro quest’ultima si sono scatenate le critiche dell’opinione pubblica e di molti Stati occidentali, che hanno subito avanzato
comprensibili rimostranze in merito alla repressione attuata contro qualsiasi forma di dissenso. Già i governi di Canada, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Giappone, Nuova Zelanda, Polonia, Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Svezia, Islanda e Austria hanno infatti richiesto formalmente al governo cinese di garantire libertà politica, religiosa e associativa, con un occhio di riguardo per le minoranze etniche tibetana e uiguri, entrambe vittime di politiche oppressive. In concreto questo si dovrebbe tradurre in varie misure: abolizione del lavoro quale forma di rieducazione dei detenuti (eufemismo con cui si allude a campi di lavoro forzato, come diceva qualcuno il lavoro rende liberi); abolizione del sistema a partito unico (il partito comunista è l’unico ammesso); eliminazione della censura di internet e di tutti i mezzi d’informazione; abbandono dei pestaggi e degli arresti preventivi quali forme di mantenimento dell’ordine pubblico.
Questi sono solo alcuni dei motivi per cui non solo in Occidente, ma anche in patria, la candidatura è fortemente osteggiata, soprattutto dai tanti attivisti per i diritti civili che la reputano paradossale se non addirittura offensiva e provocatoria nei confronti del loro quotidiano impegno. Fra questi c’è anche Mo Shaoping, avvocato che nel 2008 difese Lu Xiaobo, attivista e premio Nobel per la pace nel 2010 attualmente in carcere oramai da 5 anni. Mo è chiaro quando dice che non solo la situazione in Cina dal
punto di vista dei diritti umani è ancora drammatica, ma che negli ultimi anni è perfino peggiorata. Con l’elezione a presidente della Repubblica popolare di Xi Jinping, infatti, la repressione si è acuita, come dimostra il grave arresto di Xu Zhivong, in prigione da agosto perchè fondatore del movimento ‘Costituzione aperta’ che chiede lo stato di diritto. Il paradigma continua dunque ad essere sempre lo stesso: la forza come unico strumento di “dialogo” con chi protesta e dissidenti che affollano sempre più le carceri del Paese.
Questa situazione è portata all’estremo in Tibet, ovviamente il principale motivo di imbarazzo per il governo
cinese che, pur tentando di censurare le notizie, non è mai riuscito a spegnere l’interesse dell’Occidente verso la patria del Dalai Lama, occupata oramai da oltre 50 anni. Nella regione l’uso della lingua tibetana viene sistematicamente soppresso, le tradizioni cancellate, le persone vengono obbligate a
lasciare le proprie case, gli spostamenti e la religione sono controllate e regolate. Tuttavia Pechino non sembra aver notato la palese contraddizione fra le proprie politiche interne e la candidatura al Consiglio per i diritti umani, poiché la delegazione cinese giunta a Ginevra per sostenerla ha presentato un documento in cui si afferma che “oggi il Tibet si sta sviluppando economicamente, sta facendo progressi politici, ha una cultura fiorente, una società armoniosa e un ambiente buono; il suo popolo è felice e gode di buona salute". In questo scenario che ci parla di una regione bucolica abitata da un popolo felice e spensierato, però, sono stati dimenticati, certamente un’accidentale distrazione, gli oltre 120 monaci buddhisti che negli ultimi tre anni si sono dati fuoco per protestare contro l’occupazione della propria terra da parte dell’esercito
cinese. Magari non sarà un dato significativo ma si spera che in base a dettagli come questo verranno scelti i nuovi membri del Consiglio per i diritti umani dell’ONU.


Saverio Papa 5^G

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…