Passa ai contenuti principali
OGNI MURO AL SUO OLTRE

Ne sono certo, l’idea di far cadere il Muro di Berlino la ebbe lui. Un giorno ne troveranno le prove. A me l’ha raccontato Alessandro: ha ritrovato un vecchio manoscritto, redatto da uno Spagnolo che in quei giorni era là, nel mezzo del frastuono di gente che chiedeva la caduta, assieme al muro, del regime comunista. Lo Spagnolo però non lo conosceva; a sua volta ne aveva sentito parlare: per questo, dato che si tratta della storia più bizzarra mai udita qui a Udine, nessuno ci crede. Io sì.
Tutto inizia quando Kalif, matematico di origine araba, residente a Berlino Est si sta recando all’Università dove lavora come assistente professore. In quei giorni le proteste, in particolare dei giovani che chiedono con insistenza di passare il vallo ed entrare a Ovest, stanno creando un clima tesissimo che pare costantemente pronto a sfociare in violenze e scontri. Parliamo del sette novembre 1989. Passando in prossimità del Muro, Kalif nota una scritta a spray sul mostruoso cemento che deturpa una delle città più belle d’Europa. È curiosa, per lui che di matematica ci vive:

(OGGI+DOMANI)/((PAURA+CORAGGIO)^2 )    

Kalif, cavolo, ne ha viste di formule, ma questa non saprebbe proprio interpretarla: non è certo difficile risolverla numericamente, si dice, ma bisognerebbe attribuire alle parole il giusto valore. Come fare? In fondo, riflette il matematico arabo, si tratterà soltanto di uno slogan simbolico; probabilmente un vero senso non ce l’ha. Eppure la curiosità è troppa; Kalif annota minuziosamente tutto sul  suo quadernino. Fra radici ed integrali quelle stupidaggini sembrano davvero stonare: ridicolo il modo in cui affogano fra calcolo combinatorio e geometria analitica.
Tuttavia, il ragazzo ci pensa tutto il giorno e anche quello successivo. Tenete d’occhio la data: siamo arrivati all’otto novembre. Attribuisce i valori più impensabili alle parole; infine decide di correlare ciascuna lettera al relativo numero dell’ordine alfabetico per poi considerare ciascun vocabolo una moltiplicazione. Cifre enormi, scopre; ma come si può fare a risolvere questo enigma? E perché c’è una linea di frazione a separare questi valori che, potenzialmente, potrebbero voler dire di tutto? Perché  essi sono divisi e non moltiplicati per dare qualcosa di molto più grande?
Un attimo… divisi? Separati? Improvvisamente il colpo di genio: Kalif pensa a dove ha rinvenuto quello slogan. Il Muro di Berlino. Pensa a quei giorni e tutto gli è più chiaro: cosa fa un muro? Per definizione esso separa. Divide. Impedisce, cioè, a potenziali enormi di sommarsi e moltiplicarsi. Dotato di straordinaria intelligenza, l’uomo capisce in maniera quasi ovvia, elementare, il senso delle proteste dei giovani. E immediatamente è evidente anche il suo ruolo in tutto questo. Quei giovani, gli studenti, hanno capito prima di chiunque altro che il cambiamento e il progresso non sono utopie; con coraggio hanno preso le redini di tutto ciò e si sono fatti motori dell’atto rivoluzionario più importante dal 1789, dalla Rivoluzione Francese. Un’altra coincidenza che siano passati esattamente duecento anni? Forse no. Il giorno dopo Kalif và a lezione con una missione chiara in testa: come ogni giorno incontrerà i suoi ragazzi, ma oggi è diverso. Ha intenzione di dare il suo appoggio ad azioni concrete. Basta gridare slogan, ora bisogna agire!
Disegna sulla lavagna una linea di frazione.
“Sapete di che si tratta?”. La risposta arriva senza esitazione; all’unisono tutti esclamano: “Una frazione”. Kalif li corregge sorridendo e dice: “Siate più elementari. È una divisione”.
I ragazzi sembrano sentirsi presi in giro. Come biasimarli? Il matematico allora riprende la spiegazione; sa di avere tutti gli sguardi, anche se perplessi, su di lui: “Oggi voglio dimostrarvi che le divisioni si possono distruggere, annullare. Parlo di matematica, ma mi riferisco alla storia. Poniamo che questa linea di divisione sia un muro”. Quella parola sembra catalizzare definitivamente l’attenzione sul gessetto che scorre sul piano della grande lavagna. “Ebbene poniamo un popolo, diciamolo A, da una parte del muro e un altro, B, dall’altra.
In bianco scrive:
A/B

“Ecco qui. Ora vediamo la situazione dall’altro lato del muro. Cosa scrivo?”
Le risposte, meno convinte ma molto più attente e comprensive, accompagnano la mano di Kalif che scivola su vecchi calcoli e scarabocchi:

B/A

“Bene. E infine poniamo che i due popoli, fingendo che il muro non esista, decidano di collaborare. Immaginiamo, cioè, che un messaggio riesca a passare da una parte all’altra e i due popoli attacchino insieme il muro”

A/B∙B/A=1

Il risultato colpisce tutti gli studenti. Niente più divisioni! Il risultato è l’unità.
È il 9 novembre 1989. L’oggi non piace più, il domani attira. Basta paura, lasciamo che il coraggio moltiplichi il coraggio! Ogni cosa può cambiare, insieme. Ogni muro ha un suo oltre.



Tommaso Billiani 4^G

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…