Passa ai contenuti principali
UN PARADISO SCONOSCIUTO (PARTE 2)

“Una delle frasi che mi rappresentano e che ripeto spesso è questa: «Chi beve l’acqua dello Zambesi assieme al latte materno non potrà più abbandonare l’Africa». È un proverbio del mio paese, ma è anche quello che è capitato a me.(…) Non mi allontano mai dall’Africa per lunghi periodi, ma quando lo faccio sento la mancanza soprattutto della gente, della gente africana, popoli meravigliosi.” (Wilbur Smith.)

Ed è proprio dalle magiche sponde del fiume Zambesi che inizieremo il nostro viaggio. Circa a metà del corso del fiume, nella zona nord-ovest dello Zimbabwe, si trova una delle Sette meraviglie del mondo, che la gente del posto chiama semplicemente Mosi-oa-Tunya, che sta per “il fumo che tuona”. La leggenda narra che David Livingtone, esploratore scozzese che le scoprì nel 1855, commentò in questo modo lo spettacolo che gli si presentava dinanzi: “È una scena così bella che dev’essere stata guardata dagli angeli nel loro volo”. Fu così che egli decise di ribattezzarle “Vittoria”, in onore della sua regina. Le cascate Vittoria, alte circa 108 metri e larghe 1.7 km, possono essere, a mio avviso, descritte solo attraverso delle cifre. Credo che ammirarle dal Victoria Falls National Park (che si trova giusto di fronte), con gli spruzzi d’acqua che bagnano la pelle riscaldata dal sole, con il rumore dell’acqua che “cade” e gli occhi pieni di una meraviglia unica e ineguagliabile, sia uno spettacolo indescrivibile, capace di investire tutti i sensi e di lasciare lo spettatore letteralmente senza fiato.
Lasciando a malincuore le Cascate, ci spostiamo al confine con il Botswana, dove, ai lati della strada che collega Bulawayo alle Cascate, si trova il Hwange National Park, una delle riserve faunistiche più importanti dell’intero continente africano. Nato come riserva di caccia personale del re degli Ndebele, Mzilikazi, e convertito a parco nazionale nel 1930, oggi ospita oltre 100 specie di mammiferi, circa 400 di uccelli ed è ‘casa’ della più grande popolazione di elefanti del mondo, circa 30.000. Il parco si estende su una pianura di 15.000 km², territorio comparabile per estensione alla nostra Calabria. L’elefante, membro ad honorem dei cosiddetti “big five” (elefante, leone, leopardo, rinoceronte e bufalo), è da sempre uno degli animali più affascinanti che esistano.
“Mamma ho paura!” dissi, stringendomi alla sua schiena. Stavo “cavalcando” un elefante! I suoi movimenti, lenti e prevedibili, mi apparvero delicati e gentili, come una culla. L’elefante si voltò a guardarmi, bambina di dieci anni. Ricordo il suo sguardo curioso e dolce, il riflesso della savana nei suoi occhi. Gli alberelli, l’erba secca. Pensai a quanto cieco è l’uomo, a quanti elefanti morivano ogni giorno per le loro corna d’avorio. Pensai alla nobiltà d’animo di quest’animale, dotato di una forza devastante e alla sua “disumana” sensibilità, alla sua volontà di non voler far del male a nessuno. Mi strinsi forte alla sua groppa, facendo diventare indelebile quel ricordo nel mio cuore.
Una delle mete che maggiormente mi emozionano, sono le Colline di Matobo. Ci troviamo a sud di Bulawayo, ed è impensabile come a soli 35 km dalla città, si trovi un paesaggio così unico e mozzafiato. Gli esperti ci dicono che le colline si formarono circa 2 miliardi di anni fa ed ora, grazie all'erosione, hanno assunto una forma simile alla schiena di una balena, coperte da massi in equilibrio precario, gli uni sugli altri, e costellate da “macchie” di vegetazione. Mzilikazi, diede alla zona il nome che significa “Teste Calve”. L’Unesco nel 2003 inserì le Colline tra i patrimoni dell’umanità.
Ogni qual volta mi capita di salire su queste “colline”, penso alle nostre colline friulane o alle colline toscane piene di verde. Il paesaggio qui è totalmente diverso: l’erba non è più composta da ciuffi che spuntano dalla terra, ma appare come una pennellata sulla roccia fatta da un pittore distratto. Del verde non resta che la savana in lontananza, dei fiori nulla più una pennellata gialla o rossa sul granito. La leggenda narra che Cecil John Rodes, governatore del allora Rodesia, si sia innamorato di questo multiforme paesaggio a tal punto che lo scelse come luogo adatto per la sua sepoltura. Le chiamò “View of the world”, e credo che non vi siano al mondo parole più adatte per descriverlo.
Ho sempre pensato che se mai sia esistito un paradiso dell’Eden, questo si trovasse entro i confini tracciati a matita dello Zimbabwe. È incredibile come un posto così lontano possa rimanere nel cuore. Perché il mio cuore è là, tra le colline di granito di Matobo, tra i fiori di jacaranda di fronte alla casa dei nonni, con gli animali dell’orfanotrofio di Chipangali, con i bambini dei villaggi, con gli uccelli che volano nel cielo. Dietro le iridi dei miei occhi brilla l’Africa. Se la dignità, la felicità e la salute si potessero comprare, le regalerei alle genti africane, perché nessuno più di loro se le merita.


Micol Sartori 4^P

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…