Passa ai contenuti principali
ISTITUTO E CONSULTA, ECCO COSA NE PENSANO GLI STUDENTI

Eccoci giunti alle porte dell'estate, è tempo di dare un giudizio sull'anno trascorso. Insieme all'anno scolastico anche i mandati dei rappresentanti studenteschi volgono al termine. In particolare quest'anno verranno rinnovati anche i rappresentanti alla consulta provinciale. Per questo motivo Preludio vuole proporvi i risultati di un sondaggio condotto su un campione di nostri studenti riguardo all'operato dei vari rappresentanti. Per quanto riguarda l'operato generale dei rappresentanti d'istituto le valutazioni della maggior parte degli studenti del campione sono state positive. La maggior parte degli studenti ritiene inoltre che gli eletti siano riusciti nell'arduo compito di mantenere almeno una buona parte delle promesse elettorali. Anche circa la gestione delle assemblee d'istituto, il cui scarso successo è stato uno dei problemi più sentiti durante l'anno, gli studenti hanno espresso valutazioni positive. La maggior parte ritiene infatti che i rappresentanti abbiano fatto seri sforzi per migliorare le declinanti assemblee cercando di aumentare la partecipazione. La comunicazione tra rappresentanti e studenti si mantiene a buoni livelli, la maggior parte degli studenti ne dà infatti una valutazione positiva. La comunicazione, d'altro canto, rimane sempre il principale problema della Consulta provinciale degli studenti. Il sondaggio conferma infatti il generale sentimento di distacco dalla Consulta, percepita dalla maggior parte del campione come un'istituzione lontana, con poca influenza sulla vita della scuola e una scarsa capacità di comunicare con i numerosi studenti che rappresenta.
Che cosa aggiungere?
Un augurio a tutti i nostri rappresentanti a tutti i livelli per gli ultimi mesi di mandato e uno a tutto il Marinelli per gli ultimi giorni di scuola!


Riccardo Martina 4^G

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…